Entradas populares

viernes, 24 de agosto de 2012

la psicologia junghiana nel mondo classico

FRANZ, Marie-Louise von (1997) L' Asino d' Oro, Bollati Boringhieri, torino, 183 pp.
Inspirato nella celebre opera Le Metamorfosi o L' asino d' Oro di Lucio Apuleio (II secolo dopo Cristo), l' unico romanzo che si è conservato completamente fino ad oggi, questo saggio rappresenta un' interpretazione scientifica dei fenomeni studiati da Marie-Louise von Franz. Dopo aversi concentrato nei significati nascosti delle fiabe, le mitologie i sonhi, le scritture degli alchimisti, questa studiosa e collaboratrice di Carl Gustav Jung ha deciso osservare un' opera classsica, spiegando con tutta la naturalità i sibmoli e le formule mitologice nel libro al quale questo lavoro deve il suo titolo,\
Cercando e spiegando con la chiarezza del linguaggio quotidiano e con il rigore della scienza le possibilità interpretative dei personaggi, delle loro azioni e riflrssioni, uqesta ricercatrice si avvicina delle profondezze dell' opera letteraria che analisa usando il metodo e la terminologia junghiana. 
Di questo modo afferma l' esistenza sel Sé, dell' Ombra, della Persona  ed altri concetti del suo grande modelo e professore negli undici capitoli dell' asino d' Oro di Apuleio. Spiega anche l' importanza della completezza divina incarnata nella simbologia del numero quattro nei diversi dei romani. Attroversando le culture e le loro credenze, magie e religioni, rivela come certe divintà molto antiche si hanno transformato ed incorporato nel panteone romano e greco. 
La parte più interessante del saggio di Marie-Louise von Franz è senza dubbi la che spiega il mito dell' Amore e Psiche, occupando, come nel libro latino originale il grande numero di pagine ed avendo una straordinaria importanza nello sviluppo della storia.
Facendo comparazioni col Cristianesimo e le altre tradizioni (l' ebraica, l' egizia), l' autrice fa vedere che tutto nel mondo si può interpretare cercando i punti comuni e le similitudini. Qui si mescolano e studiano le strutture conscienti e le inconscie, le credenze locali e le universali,  quello sublime e quello bestiale, affermandosi più di una volta che il mondo antico è sempre attuale e molto ricco in materiali per l' interpretazione alla luce della psicologia e psicanalisi junghiana.